• assisi.jpg
  • perugia14.jpg
  • perugia12.jpg
  • perugia9.jpg
  • perugia8michelle.jpg


Organi istituzionali

PER LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

Ai sensi dell’art. 15 e dell’art. 25, comma 4, Legge 12 novembre 2011 n. 183 sono pubblicati i dati identificativi degli iscritti con il relativo indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC).
Le Pubbliche Amministrazioni che vogliano consultare tali dati debbono richiedere le credenziali di accesso all’Area a loro Riservata mandando apposita richiesta su carta intestata della P.A., con timbro e firma leggibile, a mezzo fax al n. 075 5153012 oppure a mezzo PEC all'indirizzo PEC:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. precisando il numero di fax o l'indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC) a cui inviare Username e Password.


Clicca per informazioni

Amministrazione trasparente

Ordine Medici Chirurghi e Odontoiatri di Perugia
Via Settevalli 131
06129 Perugia
Tel.075/5000214
Fax 075/5153012
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

FNOMCeO - Federazione Nazionale
Ordine dei Medici
Chirurghi e Odontoiatri

Piazza Cola di Rienzo 80/A
00192 Roma
Tel.06/362031
Fax 06/3222794
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Fattura PA

 

 

Posta elettronica certificata

 
Si invitano i medici e gli odontoiatri iscritti a comunicare tempestivamente all’Ordine l’indicazione del proprio indirizzo PEC (oppure l’attuale indirizzo e-mail)

Bollettino on-line

Il nostro sito utilizza i cookies per offrirti un servizio migliore.

Proseguendo la navigazione nel nostro sito accetti l'utilizzo dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo

Il nostro sito utilizza esclusivamente cookies tecnici per migliorare i servizi offerti. Non vengono utilizzati cookies di profilazione per l'invio di messaggi pubblicitari.

In ogni caso puoi sempre decidere di disabilitare l'utilizzo dei cookies dal tuo browser.

Per maggiori informazioni sulla nostra cookies policy e per istruzioni dettagliate su come disabilitare l'uso dei cookies puoi leggere l'informativa estesa

IMPORTANTE: "Smaltimento rifiuti speciali tramite ditta GESENU"

A seguito dell'invio da parte della ditta GESENU di una missiva (all.1) ai professionisti che hanno in essere un contratto di smaltimento dei rifiuti speciali con la medesima, sono giunte diverse richieste in merito alla liceità della iniziativa; ciò a tutela del professionista che resta comunque il responsabile ultimo dello smaltimento dei propri rifiuti speciali.

In estrema sintesi, alla GESENU sono state “....momentaneamente revocate... le Autorizzazioni al trasporto dei rifiuti...”; “...Pertanto, la Società...ha individuato quale azienda sostitutiva...,” previo consenso dell'interessato”... la ditta AP Produzione Ambiente...”

E' parere dell'Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri, sentiti i propri legali, che ciò possa con liceità rientrare nelle facoltà della ditta smaltitrice; in base ai più recenti contratti in essere, infatti, la GESENU può utilizzare altri trasportatori per i rifiuti in oggetto, purché regolarmente autorizzati (art. 14 comma a).

La Ditta inoltre ha riconfermato in una successiva missiva (all.2) che “l’AP Produzione Ambiente s.p.a. effettuerà attività di solo trasporto dei rifiuti …” e che in ogni caso“...la titolarità del contratto in essere rimarrà in capo a GESENU...”

Stante ciò si ritiene che:

LA PROCEDURA DI RITIRO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI NELLE CONDIZIONI PIU' SOPRA SPECIFICATE NON VIOLI GLI OBBLIGHI CONTRATTUALI E NON COMPORTI AUMENTO DI RISCHIO PER IL PROFESSIONISTA, INERENTE ALLO SMATIMENTO DEI PROPRI RIFIUTI SPECIALI
(CHE si ricorda DOVRANNO ESSERE COMUNQUE SMALTITI CON LA CADENZA PROGRAMMATA, IL CUI ONERE DI VERIFICA RESTA IN CAPO AL PRODUTTORE)

Poiché oggetto di ulteriore domanda, si segnala inoltre che, atteso che la Gesenu nella prima comunicazione ha espressamente chiesto il “previo consenso” del professionista per operare con le nuove modalità, questi, qualora intenda farlo, può decidere di non aderire al nuovo sistema e rivolgersi ad altro soggetto abilitato.